Teoria delle ombre 2018

Descrizione: tappeti

Materiali: lana

Dimensioni: 100x160 / su richiesta

Produzione: autoproduzione

*Progetto ideato in seno al progetto di residenza artistica "Memory Remix" in Casa Terra, Guspini (SU) con la curatela di Francesca Sassu per Nocefresca




Progetto:



Realizzare un tappeto ispirato liberamente alla vita di un lavoratore delle miniere di Montevecchio con casa e famiglia nel paese di Guspini (SU). Il lavoro in miniera aveva richiamato numerose genti da tutta l’Isola per via del salario sicuro e, per questo, il paese di Guspini, non esageratamente lontano dal sito di estrazione, ha vissuto un’epoca florida e fortemente legata al destino della miniera. Tutt’oggi non v’è quasi un abitante che non abbia avuto parenti minatori e, in ogni angolo, le citazioni su quella vita durissima ma che garantiva agiatezza economica – per quell’epoca di povertà diffusa – sono ovunque. Basti pensare alle associazioni dei minatori, le visite guidate alla miniera, la biblioteca con un nutrito numero di libri sul tema, i ristoranti con i minerali in bella mostra.  Per questo motivo ho deciso di raccontare un momento della vita di un minatore, in quanto uomo, e non lavoratore: ho voluto sottolineare il suo ricongiungimento quotidiano con la famiglia.

Così ho immaginato un tappeto che con le sue fattezze, semplici e quasi didascaliche, rappresenti quel momento esatto, come una istantanea dall’alto, una fotografia dell’incontro tra l’uomo e la sua famiglia davanti alla loro casa, nell’ora esatta di rientro dal lavoro in un giorno di settembre del 1930, ipotizzando una giornata di sole.

La data (1930) è stata suggerita dai racconti degli anziani locali; in quegli anni la pendolarità era vissuta in maniera estrema: due ore di cammino con qualsiasi condizione metereologica, 10-12 ore di lavoro pesante in condizioni insalubri e, per rincasare, altre due ore di cammino, talvolta raccogliendo il fasciame per riscaldare la propria casa.

Selezionando il turno del mattino, dei tre previsti, secondo i miei calcoli, il minatore faceva ritorno a casa nel tardo pomeriggio, intorno alle 17:00. Se il tempo era buono, il sole era ancora sufficientemente alto da scaldare il selciato, e le case, la maggior parte realizzate in terra cruda, dovevano apparire come un continuum di terra giallo-rossastra. Le ombre scure e definite, frastagliate, dei piccoli tetti, dovevano porgere lo spazio di refrigerio sufficiente tra il sudore dei passi, la fatica, l’ansia di arrivare. Si trattava di una routine consolidata e permeante, così come spesso accade nelle piccole comunità, scandite dalle ore di luce e buio, ma ancor di più dai tempi del lavoro.

Il Caso-studio, come verrà rinominato, sarà una rappresentazione del piccolo edificio esistente, individuato grazie alle associazioni e al prezioso aiuto degli abitanti locali. 

Il lavoro svolto è ampio e declinato; le ombre portate del Caso-studio sono state analizzate da più punti di osservazione e hanno mostrato interessanti risultati e sviluppi futuri.

Il tappeto “Caso studio_01”, in particolare, descrive graficamente la planimetria della casa originale del minatore e riporta lo studio della sua ombra portata alle ore 17:00, vista dall’alto.

L’ombra portata del “Caso studio_01” è un elemento caratterizzante: le frange nere, tipiche degli scialli femminili della tradizione sarda e non le comuni frange di un tappeto, rappresentano l’ombra nella sua dinamicità e, non essendo né frange né ombre mai statiche, si riferiscono all’illusione che il minatore potesse rincasare anche ad altri orari a suo piacimento. In realtà la campitura nera sottostante svela l’ora esatta del ritorno, ricordando invece la rigidità di come erano scanditi i tempi della loro giornata.

La forma dell’architettura individuata, casualmente, ma preferisco credere si tratti più di destino, ha una forma inusuale, straordinaria: dall’alto pare una pietra. Mi piace pensare che la casa appartenuta ad un minatore abbia la forma di un minerale e questo, per me, sa di incredibile.



 



 



Bibliografia



Identità di un paese / Tarcisio Agus, Gian Paolo Pusceddu / ed. Editrice S´Alvure
Montevecchio: miniera di blenda, galena, storia di uomini / Iride Peis Concas / ed. Editrice S´Alvure
La mia vita in miniera a Montevecchio / Serafino Leo / ed. Fiore edizioni
Guspini: cronistoria e immagini / Tarcisio Agus, Claretta Lampis; prefazione di Raimondo Zucca / ed. 3T
Gente di miniera / Dario Coletti / ed. Poliedro
Tessitura di Sardegna / I.s.o.l.a. – istituto sardo organizzazioni lavoro artigiano / Artigianato Sardegna
Arte sarda / G.V. Arata, G. Biasi/ ed. Carlo Delfino
Arte tessile in Sardegna – Simboli e ornati / Paolo Loddo / ed. Carlo Delfino
Artigianato in mostra – Quarant’anni di storia economica e sociale I.s.o.l.a. 1957-1997 / Marco Marini / ed. Sole
Tessuti – tradizione e innovazione della tessitura in Sardegna / ed. Ilisso